È opinione comune che l’agopuntura sia efficace soprattutto per le patologie reumatiche e osteoarticolari. In realtà non c’è patologia che non possa trarre beneficio dall’utilizzo degli aghi e negli ultimi anni anche la medicina estetica si sta avvalendo degli insegnamenti di quest’arte millenaria.

La Medicina Tradizionale Cinese è una disciplina olistica e, come tale, considera l’uomo nella sua interezza e non come un insieme di singole parti da trattare separatamente. Sarà importante quindi curare una cefalea, tenere sotto controllo i sintomi di un’allergia o risolvere un cedimento cutaneo al volto. L’essere umano fa parte dell’Universo e per vivere in equilibrio deve essere in armonia con se stesso e con il mondo che lo circonda. L’armonia deriva da uno stato di benessere fisico e mentale a cui contribuisce, in egual misura, ciascuna parte di noi. ” Una parte riflette il tutto”, sulla base di questo principio il medico esperto di MTC sa quanto sia importante poter ricavare informazioni dettagliate sullo stato di salute dell’intero organismo, esaminando una piccola parte di esso.

L’esame del viso è parte integrante della diagnosi in MTC e la presenza di una ruga, di un cedimento o la perdita di luminosità in una zona di esso piuttosto che in un’altra può avere spiegazioni più profonde rispetto ad un mero significato estetico. Non deve stupire quindi che agopuntura ed estetica siano sempre state strettamente connesse e, ciò che in Occidente è una scoperta relativamente recente, in Oriente è una pratica consolidata nel tempo. Ma di cosa si tratta? Possiamo affermare come l’agopuntura sia un segreto di bellezza e benessere tramandato nei secoli e tragga le sue origini dai trattamenti destinati alla cura del volto effettuati dai medici della Corte Imperiale e riservati all’Imperatore e alla sua dinastia. L’agopuntura estetica non si limita a trattare le rughe e le irregolarità della cute, ma le cause alla base di queste alterazioni, ottenendo un miglioramento dell’aspetto esteriore e un maggior benessere fisico.

L’uso degli aghi stimola la produzione di energia a livello cellulare, la sintesi di collagene, il tono della muscolatura del viso, la circolazione sanguigna e linfatica, l’ossigenazione dei tessuti, migliorando così l’aspetto delle rughe, il colorito, l’elasticità cutanea, l’idratazione e la luminosità. Tutto ciò avviene grazie all’infissione di sottilissimi aghi in punti specifici del viso, del collo e del décolleté. Questi stimolano una reazione di autocura della pelle che porta i fibroblasti a produrre più collagene.

L’agopuntura estetica agisce anche sulle gambe, combattendo ritenzione idrica e cellulite. È una tecnica praticamente indolore e priva di effetti collaterali. In alcuni casi possono comparire piccole ecchimosi che scompaiono in pochi giorni. Il numero di sedute necessarie per ottenere risultati apprezzabili varia da persona a persona, generalmente ne occorrono almeno otto ed è possibile effettuare un mantenimento mensile. Il successo di questo trattamento si deve al rispetto della fisionomia del volto e all’aspetto estremamente naturale, ma luminoso e rinnovato che esso regala